×

La torre di Arnolfo

spciale palazzo vecchio

Firenze è Piazza della Signoria, gli Uffizi e Piazzale Michelangelo, ma se avete qualche giorno in più e volete godere della più bella vista di Firenze allora vi suggeriamo di vistare la Torre di Arnolfo.

Un’opera attribuita ad Arnolfo di Cambio: chiusa fino a poco tempo fa ai visitatori, con i suoi 95 metri di altezza è visibile da tutta Firenze. E’ la torre di Palazzo Vecchio, partendo dal Cortile di Michelozzo, dove è ancora possibile vedere stucchi e affreschi dell’epoca è possibile accedere al Salone dei Cinquecento, dove viene celebrata l’apoteosi di Cosimo de’ Medici con uno splendido ciclo di pitture e statue del rinomato Genio della Vittoria di Michelangelo.

La visita prosegue al secondo piano del museo dove si possono ammirare gli ambienti privati della corte medicea e i loro splendidi arredi. Nella Sala dell’Udenzia e nella Sala dei Gigli è possibile ammirare le decorazioni più antiche del Palazzo e dove è ancora esposta la famosa Giuditta di Donatello.

Il mondo nel suo splendore è visibile nella Sala delle Carte Geografiche, un globo terrestre di dimensioni eccezionali e più di cinquanta pannelli dipinti con una straordinaria visione delle parti del mondo conosciute nel XI Secolo fino a giungere alla torre con il merlato Camminamento di Ronda.

Dal 1 aprile al 30 settembre è possibile accedere alla torre tutti i giorni dalle 9 del mattino alle 21 di sera, fatta eccezione per il giovedì dove l’orario di apertura è fissato dalla ore 9 alle ore 14.00

Biglietto Torre e Camminamento di ronda

  • intero        euro 10,00
  • ridotto       euro   8,00

Biglietto Museo+Torre e Camminamento di ronda

  • intero      euro   14,00
  • ridotto      euro  12,00

Tempo medio di visita ore 1.30, incluso il Camminamento di Ronda)

In caso di pioggia l’accesso alla Torre sarà sospeso. Sarà comunque possibile visitare il Camminamento di Ronda con un supplemento al biglietto del museo:

  • intero     euro 12,00
  • ridotto    euro 10,00

 

Condividi questa pagina!Share on FacebookTweet about this on Twitter